SMR MOTORCYCLE

 

 

Fino a qualche anno fa, in Italia, esistevano due aziende storiche specializzate nella produzione di moto da minicross, entrambe di Bologna: la LEM MOTORS e la MALAGUTI. A metà anni 2000, il prepotente ingresso dei produttori di minimoto cinesi nei mercati europei cui si aggiungeva la forte crisi economica, ha portato alla chiusura delle due case motociclistiche emiliane.

Con i costruttori cinesi sembrava essere arrivata una nuova era, i genitori si recavano nei negozi di giocattoli o al super mercato e con € 300, acquistavano una minicross per i loro figli. Sembrava impossibile che con poche centinaia di euro si potesse acquistare una minimoto vera. Il boom di questa nuova era durò qualche anno, difatti quando tutti si resero conto che al basso costo iniziale ne derivava anche una bassissima qualità, poca sicurezza e nessuna assistenza post vendita e ricambi, calò il sipario sulla vendita di moto da bambini. Tutto ciò comportò il fatto che se un bambino voleva iniziare a muovere i primi passi nel mondo dell’off road in totale sicurezza,  non c’era sul mercato una moto minicross entry level per iniziare l’attività sportiva.

Esistevano certamente moto da minicross costruite dalle case motociclistiche più blasonate, ma erano motociclette progettate per gareggiare ad alti livelli, non per avvicinarsi alla specialità, un qualsiasi bambino neofita che provasse tale tipologia di moto avente prestazioni elevate, si spaventerebbe  al punto da abbandonare anzitempo l'idea di correre. Non a caso, anche nel settore agonistico in Italia è stato registrato un grandissimo calo di ragazzi iscritti ai vari campionati. Non essendoci moto per iniziare a muovere i primi passi, non vi erano più bambini che facevano il passaggio successivo ovvero quello di gareggiare. I motivi, tuttavia, non erano da imputare alla mancanza di appoggio familiare, bensì al fatto che non esisteva una gamma moto da minicross entry level per iniziare. 

SMR, al fine di riprendere il percorso storico della cultura della moto italiana da motocross e minicross, ha deciso di colmare questo grandissimo vuoto, progettando e costruendo due modelli di moto da minicross entry level - due misure diverse, una per i piu piccoli e una per i più grandi, e soprattutto totalmente MADE IN SAN MARINO.

Moto curate in ogni dettaglio, costruite a mano singolarmente, SMR garantisce ai propri concessionari moto una linea diretta di assistenza e ricambi. Naturalmente, oltre alla qualità è seguito anche un prezzo alla portata di tutti.

SMR MOTORCYCLE, è una azienda motociclistica certificata secondo gli standard internazionali stabiliti dalla SAE International (SAE) è un ente di normazione nel campo dell'industria aerospaziale, automobilistica e veicolistica. Ha la sua sede centrale a Troy, nello stato del Michigan(USA). Il codice costruttore assegnato da SAE ad SMR dopo aver raggiunto tutti gli standard internazionali nell’ambito della costruzione di motocicli è lo Z19.

L'ente SAE si occupa di sviluppare e definire gli standard ingegneristici per veicolimotorizzati di ogni genere, tra cui automobili, autocarri, navie aeromobili.

Nata con il nome di Society of Automobile Engineers (Associazione di Ingegneri dell'Automobile) nel 1905, l'obiettivo originale della società era di promuovere l'uso di regole standard per la nascente industria automobilistica (inizialmente negli Stati Unitie di favorire un maggiore scambio di idee e esperienze, con modi e strumenti analoghi ad altre società tecniche.

Nonostante gli inizi modesti, con soltanto 30 membri iniziali (Andrew L. Rikerne fu il primo presidentee Henry Fordil primo vicepresidente), la società crebbe velocemente. Il numero di membri era di circa 1800 nel 1916, anno in cui la società decise di espandere il suo campo a tutte le forme di trasporto motorizzato, inclusi aeromobili, navi, macchinari agricoli e altri sistemi di trasporto. Il nuovo termine automotivefu coniato dall'associazione per descrivere tutti i veicoli motorizzati e il nome dell'associazione cambiò in Society of Automotive Engineers.